mercoledì 23 novembre 2016

Non mi guarda...




Vivo della tua ombra 
Vivo nel calore di questo immaginare
Vivo nel ricordo di una musicalità
Assegnata alla magia della luna

Che non mi guarda
Ma – tacitamente la propone all’assenza

giovedì 10 novembre 2016

Avido di idee





Un pensiero sospeso
Quasi immobile
Avido di idee
Vagabonda nell’ambiente
Soffermandosi su di un volto
Ne svela le fragilità
E le notevoli virtù

lunedì 24 ottobre 2016

E le emozioni....






Ho trattenuto l’immagine
Fra gli alberi della Rocca
Ho atteso che cadessero le foglie
Per meglio ammirare la luce
Com’è nella mia forza osservare


Sai – mi sconvolgo ancora nel pensarti
E le emozioni scorrono fra le vene - veloci
Non conoscono indugio né riposo
Trafiggono - divorate in silenzio
Si accendono

Consapevoli di quella primaria spontaneità

 

venerdì 21 ottobre 2016

domenica 9 ottobre 2016

Dove risatine e riccioli

 
 

È un pensiero rapido
Tende l’orecchio al vostro cinguettare
Non si stancano gli occhi
Scrutarvi è un’ora deliziosa
Infinitamente mia
Infinitamente preziosa
 
Scortate da amore non accederete alla solitudine
Qui - qualcuno osserva il paesaggio
I fiocchi di neve sono ancora distanti
Fiducioso guarda verso il mare
Dove risatine e riccioli
Vanno incontro alla vita
 
  
Auguri Piccole



lunedì 3 ottobre 2016

La muta lontananza





Non mi restituiranno il sorriso – né lo sguardo
Ed io - ho messo da parte la speranza
Sulla muta lontananza
Sospesa fra i tanti momenti belli e conflittuali
Precipito dentro il mio trascorso
                                                     
Persone care - cose - case
Ritornano inarrestabili verso il mio centro
Nel silenzio profondo
Toccano una corda dolente

Coraggio - coraggio - e ancora coraggio

Lo sguardo sbircia il cielo
Dipingendo un presente confuso
Duro da ubbidire
Chiudo gli occhi per ricacciare indietro le stille

Testata dalla benevolenza dei ricordi
Rivivo quel prato verde
Che al meglio ospitava il suo grillo solitario


 

domenica 18 settembre 2016

Tentata a procedere

 

Dimmi - come passi i tuoi weekend?
Qui è ancora caldo e le giornate scorrono silenziose
Seduta su di una poltroncina di vimini
Osservo le prime foglie cadere
 
 
Sai - accendono sempre questa fantasia
Sia nel sole caldo - sia nella mite stagione
Raggomitolo un po’ pensando alla vita trascorsa
Nel riconoscere quella felicità sempre più distante
Sempre più in disparte

Vorrei iniziarmi ad altre occupazioni
Ma - ahimè - ho poche possibilità
Molto quello che ignoro
E poco quello che realmente posso fare

Ricordo nostalgicamente i giorni in cui ero occupata
Adesso in ogni dove occhieggia la malinconia
Incapace come sono di cogliere il presente
Estrometto un qualsiasi futuro
Finestra chiusa sull’anima

Polverosi ricordi orlano una vita stanca
Profondità che nessuna energia può inabissare
Disegnate sulla sabbia ne mostrano  la delicatezza
Tentata a procedere sempre
Nonostante le difficoltà a seguitare