sabato 4 febbraio 2017

Sfumature di azzurro





La mente rievoca
Senza mai profanare la trasparenza
Riservata al ricordo
Diretto a tingere di rosa il pesante fardello
Silenziosa si aggira nelle quiete stanze

Non riesce a congedarsi
Né dal mare - né dalla volta celeste
Nonostante appaiano sempre più distanti
 
Sfumature di azzurro
 
Chiedono di indugiare interamente
Tamburellando verso il cuore
Come in una ricorrenza
Come se  - una sola parola
Bastasse alla partecipazione
Alla condivisione di avidi minuti
Rivelatori di una vita intima e segreta

martedì 10 gennaio 2017

Io osservo il Mondo



Un alloggio piccolo ciò che ti propongo
Confortevole - stabile
Una volta varcato l’ingresso
Ti sia compagna l’intelligenza
Io, osservo il mondo...

Seguito a memorizzare
Le amichevoli chiacchierate
Affidandole all’udito della notte
Non le rinnegherò
Istantanea voce
Bersaglio fra l’oscurità e me
Tra il vento forte
E fiocchi candidi di neve

 

 

venerdì 30 dicembre 2016

venerdì 9 dicembre 2016

Auguri




Crescere è un impegno sempre
A fatica avete attraversato il vostro primo anno
Prima di voi - il tempo scorreva lento
Ora - mette le ali ai piedi

Vi guardo
Attraverso miglia per vedervi
Per restare un po’ con voi
Sempre grate – accogliete questa zia con sorrisini
Aprendo le braccine in segno di fiducia

Quanto amore
Ed è gioia profonda
Devo affrettarmi se voglio per me i vostri sorrisini
Condividere le prime esperienze
Fra facili cadute e innumerevoli rialzi



P.S.:
Buon Compleanno Maria Vittoria
Buon Compleanno Veronica

 



mercoledì 23 novembre 2016

Non mi guarda...




Vivo della tua ombra 
Vivo nel calore di questo immaginare
Vivo nel ricordo di una musicalità
Assegnata alla magia della luna

Che non mi guarda
Ma – tacitamente la propone all’assenza

giovedì 10 novembre 2016

Avido di idee





Un pensiero sospeso
Quasi immobile
Avido di idee
Vagabonda nell’ambiente
Soffermandosi su di un volto
Ne svela le fragilità
E le notevoli virtù

lunedì 24 ottobre 2016

E le emozioni....






Ho trattenuto l’immagine
Fra gli alberi della Rocca
Ho atteso che cadessero le foglie
Per meglio ammirare la luce
Com’è nella mia forza osservare


Sai – mi sconvolgo ancora nel pensarti
E le emozioni scorrono fra le vene - veloci
Non conoscono indugio né riposo
Trafiggono - divorate in silenzio
Si accendono

Consapevoli di quella primaria spontaneità