giovedì 6 settembre 2012

Esilità




Lungo gli argini del lago
Tra gli amati alberi ancora verdi
Ondeggia questo pensiero
Nella zona più esitante della memoria
Sfuggendo a quelle perfezioni

Universalità
Quasi a voler coprire chilometri
Nella tua direzione
Ascolto i miei passi
L’inconsistenza culturale

Quanta tenerezza fluisce verso di te
Nel devoto quaderno
 
La accogli?



fm

3 commenti:

  1. Grazie Sara, ricambio col cuore. Franca

    RispondiElimina
  2. Benvenuto Ferruccio, felice di ospitarti. Franca

    RispondiElimina